Prende a spallate la porta della casa che vuole svaligiare, ma dentro ci sono 3 ragazzini

Arrestato un 41enne con precedenti

Foto di repertorio

Sono accorsi immediatamente i poliziotti della Squadra Volante alla segnalazione pervenuta venerdì pomeriggio 15 giugno, attorno alle 16, relativa al tentativo di furto in atto presso un alloggio in zona Santa Rita. 

All’interno dell’appartamento, nel quale vi erano tre ragazzini nigeriani di età compresa fra i 12 e 10 anni, gli agenti hanno sorpreso e ammanettato un ladro, un 41enne italiano che ha opposto anche una lieve resistenza. 

I tre giovanissimi hanno raccontato che poco prima avevano sentito dei rumori provenienti dalla porta di casa. Il maggiore era andato allo spioncino per vedere cosa stesse succedendo e aveva visto un uomo che non conosceva armeggiare con qualcosa vicino alla serratura, cercando di entrare nell’appartamento. All’improvviso desisteva dal tentativo di forzatura e iniziava a prendere a spallate la porta, riuscendo a sfondarla completamente, danneggiando il perno blocco porta insieme alla catenella di chiusura ed alla serratura. 

Pochi istanti dopo il suo ingresso nell’alloggio l’uomo veniva, però, arrestato dalla Polizia di Stato per tentato furto in abitazione e denunciato per resistenza a pubblico ufficiale. Si tratta di uomo con precedenti per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, reati contro la famiglia, evasione dagli arresti domiciliari ed un arresto in esecuzione ad ordine di carcerazione.    

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambini investiti da un’auto: 3 finiscono in ospedale

  • Scontro fra quattro auto lungo la provinciale: 24enne denunciato per guida in stato di ebbrezza

  • Giovane si toglie la vita sparandosi un colpo di pistola

  • Tempo libero, cosa fare a Torino e dintorni sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Dal Torinese, il denaro veniva "ripulito" dopo un giro per il mondo: fratelli imprenditori nei guai

  • Nel garage nascosta la merce del noto supermercato: un denunciato

Torna su
TorinoToday è in caricamento