Cade in casa e rimane per ore a terra, in un lago di sangue: salvato dai carabinieri

A dare l'allarme i vicini

Immagine di repertorio

Non rispondeva al telefono né al citofono. E, da un giorno intero, non veniva visto dai vicini di casa. Una situazione sospetta che ha portato quegli stessi vicini a chiamare prima il proprietario di quell'alloggio e, successivamente - attraverso lo stesso padrone di casa - i carabinieri.

E così, ieri pomeriggio, giovedì 17 settembre 2020, un pensionato di 79 anni è stato salvato dai carabinieri del radiomobile di Ivrea.

I militari, ricevuta la chiamata di soccorso, si sono precipitati in quella palazzina di via Battisti a Castellamonte e, dopo aver forzato una finestra, sono riusciti a entrare nell'appartamento, salvando la vita all'uomo, in stato di semi incoscienza.

Il 79enne, infatti, era riverso a terra in un lago di sangue. Con molta probabilità dopo essere scivolato. 

Portato in ospedale a Cuorgné dal personale sanitario 118, ora è ricoverato. 

Quando i militari, al piano terra di una palazzina di via Battisti, hanno notato il pensionato ormai semi incosciente a terra, hanno forzato una finestra e sono riusciti ad entrare nell'appartamento. Un intervento quanto mai tempestivo. A quel punto l'uomo è stato poi affidato alle cure del personale del 118 e trasportato all'ospedale di Cuorgnè. E' possibile che fosse bloccato a terra, agonizzante, già da parecchie ore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: cosa bisogna fare per avere i codici e vincere fino a 5 milioni

  • Zona Arancione: estesa apertura negozi, maggiori controlli, dentro e fuori, nei centri commerciali

Torna su
TorinoToday è in caricamento