Addio a Giovanni, storica voce del sindacato Torinese e nazionale

Aveva 84 anni

Giovanni Avonto, aveva 84 anni

Lutto nel mondo del sindacalismo. Ieri sera, venerdì 14 febbraio 2020, è morto Giovanni Avonto, già presidente della Fondazione Vera Nocentini e storico dirigente Fim e Cisl di Torino e Piemonte.

Avonto aveva 84 anni e si trovava nell’hospice di Salerano Canavese.   

Nato a Villanova Monferrato, in provincia di Alessandria, dopo la laurea in ingegneria, Giovanni Avonto entra all’Olivetti di Ivrea e partecipa all’ultima fase dell’esperienza iniziata da Adriano Olivetti.

Nei primi anni ‘70 inizia il suo impegno nella Fim Cisl torinese e nazionale e nel 1973 viene chiamato da Cesare Delpiano nella segreteria della Cisl torinese.

Dopo qualche anno entra nella segreteria regionale Cisl, a fianco di Mario Manfredda, per diventarne generale negli anni Ottanta. Guiderà la Cisl regionale nel periodo caldo dell’accordo di San Valentino del 1984 e del successivo referendum sulla scala mobile.

In seguito diventa segretario generale Fim Piemonte, incarico che lascia nel 1996 quando va in pensione e assume la presidenza della Fondazione Vera Nocentini. Ruolo che ricoprirà fino al 2014, rimanendo fino a oggi nel Consiglio di amministrazione.

Avonto è stato anche il primo presidente dell’Ismel da cui è nato il Polo del Novecento. 

I funerali si terranno lunedì, 17 febbraio 2020, alle 14.30, nella chiesa di San Lorenzo, in corso Massimo d'Azeglio 71 a Ivrea. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

Torna su
TorinoToday è in caricamento