Giocattoli e articoli di bigiotteria potenzialmente pericolosi: maxi sequestro

Violazioni in materia di sicurezza dei giocattoli e di privacy, i reati contestati all'imprenditore

Immagine di repertorio

Giocattoli contenenti sostanze potenzialmente pericolose, prodotti elettronici, centinaia di accessori di bigiotteria, il tutto per oltre 112.000 articoli tutti pericolosi, non conformi o con false etichettature. Ammonta a 280.000 euro il valore della merce sequestrata dalla Guardia di Finanza di Torino in un negozio di Rosta gestito da un imprenditore 40enne di origini cinesi che è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Torino.

L’attività, condotta dai Finanzieri della Compagnia di Susa e del Gruppo Pronto Impiego, ha accertato che la merce veniva venduta senza alcuna indicazione circa i dati dell’importatore, la presenza di materiali o sostanze pericolose, le modalità di smaltimento e, non da ultimo, le precauzioni d’uso di sicurezza che i bambini dovrebbero rispettare per giocare senza rischi, il tutto con evidenti rischi per la sicurezza degli acquirenti. L’assenza dell’indicazione di un importatore con sede all’interno dell’Unione Europea comporta, di fatto, l’impossibilità di ricostruire la filiera di approvvigionamento della merce ed, in ultimo, di verificare che il fabbricante abbia predisposto la documentazione tecnica comprovante la conformità del prodotto stesso con le normative comunitarie e nazionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Violazioni in materia di sicurezza dei giocattoli e di privacy, i reati contestati. I Finanzieri hanno, infatti, riscontrato come l’impianto di videosorveglianza all’interno dello store fosse stato abusivamente installato e, pertanto, sprovvisto di ogni sorta di autorizzazione prevista dalla legge. La normativa speciale, a garanzia della privacy, tutela tutte le persone che necessitano di impianti di videosorveglianza per la loro sicurezza ma, nel contempo, deve garantire anche l’impossibilità di utilizzi impropri delle immagini di terze persone.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Mascherine obbligatorie questo fine settimana anche all'aperto, ma solo nei centri abitati

  • Allarme in casa: bambino di 10 anni gravemente ustionato mentre fa un esperimento per la scuola

Torna su
TorinoToday è in caricamento