Insulta su Facebook i sanitari che lo hanno curato: oltre alle scuse mille euro di risarcimento

Presi di mira soprattutto infermieri e operatori di assistenza dell’ospedale di Rivoli

Immagine di repertorio

Dovrà risarcire con 500 euro l’ASL To3 (cifra che verrà riutilizzata nei servizi) e con altri 500 euro il Collegio Infermieri, oltre alle spese legali, il 52enne che su Facebook pubblicò una serie di gravissimi insulti nei confronti dell’Ospedale di Rivoli e delle professionalità, specie infermieristiche, che lo avevano assistito nel dicembre 2016.

L’uomo, con quel post, ha diffamato i lavoratori del nosocomio e leso l’immagine dell’Azienda. L’altro ieri, martedì 18 dicembre, presso la procura della Repubblica si è svolta la seduta dedicata all’atto di conciliazione fra le parti, finalizzata a superare la necessità di un processo vero e proprio.

Il 52enne si è scusato per le accuse pubblicate, ma comunque il Procuratore ha stabilito che l’uomo dovrà risarcire le parti offese. Precedentemente la Direzione dell’ASL TO3 e il Collegio degli infermieri IP.AS.VI  avevano sporto querela per diffamazione con l’obiettivo di tutelare il lavoro delle professionalità interessate e dei servizi resi.

Il Direttore Generale dell’ASL TO3 Dr. Flavio Boraso sulla vicenda: “Sono innanzitutto contento che l’utente, che aveva usato pessime parole verso il nostro Ospedale e verso gli operatori sanitari in particolare, abbia riconosciuto di aver sbagliato. Capisco infatti che possa capitare a chiunque di noi di vivere momenti critici e difficili, anche in ambito sanitario, ma le eventuali ragioni devono essere opportunamente segnalate seguendo i canali istituzionali che la nostra ASL mette a disposizione per tutti i pazienti (Primario /capo sala del reparto, Ufficio relazioni con il pubblico, Direzione Sanitaria, etc). Tengo ad evidenziare che la cifra simbolica di 500 euro, che sarà devoluta dal signore (oltre alle spese legali), verrà destinata proprio per consentire alle nostre figure infermieristiche di accedere ad un master formativo, ulteriore elemento per continuare a migliorare il processo assistenziale, su cui questa Direzione Generale ha investito in questi ultimi anni” 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento