Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ricambi auto contraffatti e scadenti spacciati per originali: denunciate quattro persone

 

Vendevano pezzi contraffatti e scadenti con la complicità di autofficine compiacenti. E' quanto hanno scoperto i carabinieri di Cuorgné nei giorni scorsi, portando alla denuncia di quattro persone.

Nei guai sono finiti un 55enne e un 29enne di Pratiglione, padre e figlio, titolari di una ditta di ricambi auto con sede legale a Rivara, un 54enne di Pertusio e un 32enne di Cuorgné, titolari di due differenti autofficine meccaniche.

Per loro l'accusa è di "concorso in contraffazione e ricettazione".

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, padre e figlio falsificavano i ricambi per auto che arrivavano clandestinamente, apponendo sopra i marchi delle più note case automobilistiche. Poi, i ricambi venivano commercializzati ad autofficine compiacenti del Canavese, spacciandoli per originali.

I clienti, poi, compravano i ricambi pensando fossero originali, non sapendo però che fossero di qualità scadente. 

I militari hanno sequestrato all’interno della ditta gestita da padre e figlio migliaia di dischi e pastiglie per i freni, ganasce, frizioni e molto altro materiale per autovetture. Oltre ai macchinari industriali e professionali utilizzati per la falsificazione dei prodotti.

Guai anche per i due titolari di autofficine meccaniche di Pertusio e Cuorgnè, responsabili di aver acquistato e utilizzato il materiale contraffatto, fornendo alla rispettiva clientela dei prodotti di seconda scelta, a fronte del pagamento di prezzi previsti per materiali di eccellenza.

Le indagini, al momento, sono ancora in corso e non si esclude il coinvolgimento di altre persone nell'attività illecita. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento