rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca Crocetta / Corso Vittorio Emanuele II, 58

Preso il rapinatore seriale della stazione: le sue vittime erano i giovani

Le indagini sono ancora in corso

Tra fine settembre e inizio ottobre, aveva compiuto una serie di rapine ai danni di giovani ragazzi, alcuni dei quali minorenni, all'interno e all'esterno di Porta Nuova.

Dopo una breve indagine - svolta anche attraverso le immagini di videosorveglianza - sabato 6 ottobre 2018, gli uomini della Polfer di Porta Nuova hanno fermato un italiano di 20 anni, di Torino, senza fissa dimora e con problemi legati alla tossicodipendenza. Per lui l'accusa è di rapina continuata ed è stato sottoposto alla misura della custodia cautelare in carcere, come dispostto dal Tribunale di Torino.

Le rapine sarebbero state commesse il 22, 24 e 25 settembre 2018 e il 1 ottobre 2018. Secondo gli agenti, il modus operandi era sempre lo stesso: dopo aver individuato con attenzione le "prede", con la scusa di farsi dare degli spiccioli per le sue necessità, le minacciava con modi sempre più aggressivi, obbligandoli a farsi consegnare banconote di piccolo taglio o monete.

In una circostanza, una vittima era riuscita a trovare rifugio in un negozio della stazione, mentre in un'altra aveva chiesto aiuto proprio alla Polfer.

Dalle indagini, è emerso con il 20enne, nel 2014, sempre a Porta Nuova, si era reso responsabile di una rapina ai danni di una signora, strappandole la borsa e facendola cadere a terra. Non solo. Perché il giovane è stato trovato a metà settembre mentre bivaccava a Porta Susa. 

Intanto proseguono le indagini della Polfer per capire se il 20enne abbia commesso altre rapine, sempre ai danni di giovani. Gli investigatori invitano chiunque avesse subito analoghe rapine a mettersi in contatto con il Settore Operativo di Torino Porta Nuova, al numero 011-6507216, anche per un eventuale riconoscimento fotografico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Preso il rapinatore seriale della stazione: le sue vittime erano i giovani

TorinoToday è in caricamento