Prima fa sesso e poi rapina la prostituta di soldi e telefonino

In aperta campagna

Immagine di repertorio

Le ha chiesto il prezzo della prestazione sessuale e l'ha caricata in auto, andando in una stradina di campagna poco distante dal luogo dove l'aveva "caricata".

Ma dopo aver consumato il rapporto, il cliente avrebbe rapinato la prostituta dopo averla minacciata con una pistola, derubandola del cellulare e dei pochi soldi che aveva racimolato fino a quel momento.

E' successo nel pomeriggio di ieri, mercoledì 18 luglio 2018, lungo la provinciale 53, tra i Comuni di Caluso e Barone Canavese.

La donna, una 39enne di nazionalità albanese, è andata poi a denunciare tutto ai carabinieri di Caluso, che ora stanno indagando sull'accaduto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tifoso interista scommette sull'eliminazione della Juve dalla Champions: vince quasi 10mila euro

  • Tragico schianto nella notte: auto in un una scarpata, morti cinque ragazzi

  • Violento acquazzone su mezza provincia: alberi caduti, allagamenti e ferrovia interrotta

  • Maxi-incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, uno ribaltato e due in fiamme

  • Compleanno torinese per i 18 anni del figlio di Fabrizio Corona e Nina Moric: pronta una grande festa

  • Viviana e il piccolo Gioele sono ancora scomparsi, ma oggi fatti avvistamenti 'importanti'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento