rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca Vanchiglia / Corso Regio Parco, 80

Prima le pedina e poi le deruba del borsello: in manette il "rapinatore dei cimiteri"

Aumentati i controlli dei carabinieri

Per cercare le sue vittime, spesso e volentieri andava in un luogo insolito ma, allo stesso tempo, ideale per colpire: il cimitero monumentale di corso Regio Parco.

E, dopo appostamenti anche di diversi minuti, andava poi incontro alla "preda". O nella zona dei parcheggi o direttamente dentro al camposanto. 

Poi, con un gesto fulmineo, le derubava del borsello dopo averle spinte a terra. Il tutto con l'aiuto di un complice. Almeno fino allo scorso martedì 4 giugno 2019, quando i carabinieri della Compagnia Torino Oltre Dora e dei colleghi del CIO (Compagnie di Intervento Operativo I° Reggimento Piemonte) lo hanno sorpreso durante uno dei tanti controlli messi in atto dal comando provinciale dei carabinieri nel corso di queste settimane, mirati proprio al contrasto di furti, rapine ai danni di persone sole o anziane, e dello spaccio nei rioni Vanchiglia, Aurora e Barriera di Milano.

Nei guai è finito un romeno di 33 anni, arrestato per rapina dai militari nella zona di corso Regio Parco, dove stava per tornare nuovamente in azione. 

Ora però si cerca il complice, che in tutti i colpi precedenti lo ha aiutato nelle rapine. Nell’ambito della stessa attività, i carabinieri hanno arrestato, in via Monterosa, un nigeriano e un italiano, per spaccio di droga. Sequestrate anche decine di dosi di cocaina, crack e marijuana.

Torino rapinatore monumentale Aurora Barriera arresti 4 6 19 1-2

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prima le pedina e poi le deruba del borsello: in manette il "rapinatore dei cimiteri"

TorinoToday è in caricamento