menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Il pusher ci ricasca: arrestato pochi giorni dopo aver scontato un'altra pena

Aveva appena ceduto due dosi di droga

Lo spaccio di droga è sempre stato il "suo lavoro". Anche se gli è costato un arresto e la pena detentiva dei domiciliari, nel suo alloggio di via Le Chiuse.

Ma neanche il tempo di festeggiare la fine della pena che è stato nuovamente arrestato proprio per spaccio. 

Perchè gli agenti della Squadra Volante, a seguito di una segnalazione, hanno notato uscire frettolosamente dal portone dove abitava l'uomo due giovani, tutti e due 23enni.

Fermati per essere identificati, hanno ammesso di non abitare lì e di essere andati a trovare un amico. Ma dopo la perquisizione, ecco spuntare 15 grammi di hashish.

Solo a questo punto, i giovani hanno ammesso di averli acquistati da un cittadino straniero residente nel palazzo, per la cifra di 95 euro.

Gli agenti capiscono che potrebbe essere nuovamente lui, quel 30enne tunisino che aveva terminato di scontare la precedente pena il 1 luglio 2018. E per lui sono scattate le manette, dopo aver trovato in casa altri 2 grammi di hashish, nascosti in cucina all’interno di una tazza da tè. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento