menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piazza Foroni, ancora proteste: "No al progetto del Comune"

L'associazione di ambulanti e commercianti di piazza Foroni non accetta compromessi: "Tredici centimetri appena separano le auto dai banchi"

Nemmeno i continui incontri sul delicato tema della riqualificazione di piazza Foroni sono serviti per calmare gli animi e trovare la quadra. La proposta presentata dall’assessore al Commercio Domenico Mangone è stata accolta dalla commissione ambulanti soltanto in minima parte. Grazie all’ultima variante ogni operatore manterrà il proprio posto al mercato mentre è stata risolta anche la questione relativa al parcheggio. Il Comune di Torino e l’ospedale Molinette avrebbero trovato l’accordo per affidare gli ex magazzini di via Bioglio all’associazione commercianti “La piazza Foroni”.

Pretese e ottenute ampie garanzie sull’adeguamento della piazza alle nuove normative igienico sanitarie. Burrasca piena, invece, sul tema del nuovo percorso della corsia veicolare d’emergenza. Punto su cui i commercianti non intendono fare ulteriori passi indietro. Quei 13 centimetri che separeranno le auto dai banchi non piacciono a nessuno. “I veicoli non possono passare a pochi centimetri di distanza dai banchi – ha ribadito Vincenzo Torraco della commissione ambulanti -. E’ inaccettabile, è troppo pericoloso. Al contrario vogliamo che la corsia centrale venga allargata per garantire un miglior via vai dei clienti”.

Un no secco è arrivato anche per la pedonalizzazione dell’area mercatale che graverebbe non poco sulle tasche dei commercianti. “Si a pedonalizzare la piazza, no all’estensione alle vie laterali”. Intanto a predicare la calma è la presidente della circoscrizione Nadia Conticelli. “C’è un brutto clima – dichiara Conticelli -. Non vogliamo certo un presidio delle forze dell’ordine ma allo stesso tempo occorre trovare una soluzione per non sprecare quello che a mio avviso è un importantissimo progetto di riqualificazione”.

Nei giorni scorsi si era anche sparsa la voce di un inizio dei lavori. Notizia poi smentita. “Serve un nuovo consiglio aperto - spiega Torraco -. Ci sono ancora questioni irrisolte. Il Comune, ora, ha fretta di far partire il cantiere ma per anni in troppi hanno sorvolato sulle nostre domande”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento