Riforniva supermercati con prodotti pagati con assegni falsi, scoperta la banda

Un uomo è stato arrestato. E' un ex agente di commercio di Acqui Terme

Immagine di repertorio

Contattavano tramite mail le aziende da truffare fornendo nomi e indirizzi inventati, acquistavano con assegni falsi o scoperti la merce che poi veniva rivenduta a botteghe e supermercati del Piemonte. Lo riporta il quotidiano La Stampa.

I prodotti - soprattutto dolci, vino e parmigiano - venivano poi rivenduti a negozi di Acqui Terme e a un supermercato di Pinerolo, dove è stata anche scoperta la truffa più importante. Hanno venduto 12 mila bottiglie “comprate” da una ditta di Santo Stefano Belbo per quasi 50 mila euro.

Le indagini da parte dei carabinieri sono durate un anno e mezzo. Danneggiate decine di aziende. Sott’accusa è finito un ex agente di commercio di Acqui: l’uomo attualmente è ai domiciliari. Coinvolte altre sette persone.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • La "deviazione" costa oltre 10mila euro: multato un camionista diretto a Torino

Torna su
TorinoToday è in caricamento