Manifesti "lui è un pedofilo" davanti a scuola, poliziotto condannato

Calunniato un barista

Immagine di repertorio

E' stato condannato a due anni e mezzo di carcere il poliziotto della stradale di Torino che nel marzo 2017 tappezzò la scuola elementare Lauro di Abbadia Alpina, frazione di Pinerolo, di manifesti che accusavano ingiustamente un suo conoscente, barista di San Secondo di Pinerolo, di essere un pedofilo.

Dalle indagini dei carabinieri, che avevano poi arrestato l'agente, era emerso che si era trattato di una vendetta. La moglie del poliziotto, infatti, gestiva un negozio vicino al bar della vittima, che si era lamentata, a fine 2016, del fatto che questo servisse cibo e bevande senza autorizzazione.

La sentenza è stata pronunciata oggi, venerdì 13 luglio, dal giudice monocratico Paola Rigonat che ha accolto parzialmente le richieste del pm Ruggero Crupi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento