Il parroco smette di aver pazienza e denuncia i migranti che hanno occupato la sua chiesa

Invasione di edificio altrui e danneggiamento

La chiesa di Claviere

Ha atteso cinque mesi, prima di varcare la porta della stazione dei carabinieri per denunciare i migranti africani che da tempo vivono a Claviere.

A denunciarli non una persona qualunque, ma il parroco della cittadina nel cuore dell'Alta Val Susa, don Angelo Bettoni.

E ora spetta alla procura fare il passo successivo, con le ipotesi di reato che potrebbero essere due: invasione di edificio altrui e danneggiamento.

I migranti sono quelli che hanno trovato rifugio lo scorso 23 marzo 2018, dopo essere stati respinti dalla Gendarmerie mentre stavano cercando di fuggire verso la Francia.

Alla base del suo gesto, i diversi screzi avuti in questi mesi con i migranti, che nel frattempo avevano occupato la chiesa parrocchiale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anche in tangenziale arrivano velox: ecco dove verranno posizionati

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • Fine corsa per il pirata della strada, la sua auto era in carrozzeria: arrestato

  • Neopatentato si schianta allo svincolo: distrutta l'auto potente del papà, lui aveva bevuto

  • Sciopero mezzi pubblici venerdì 24 gennaio: i dettagli

  • Incendio divampa nell'appartamento al nono piano, famiglia con bimbe piccole messa in salvo

Torna su
TorinoToday è in caricamento