Pretende un passaggio poi gli sottrae le chiavi dell’auto e chiede 50 euro per la restituzione

E' accaduto mentre il conducente era fermo al semaforo

Immagine di repertorio

Un marocchino di 48 anni si è introdotto nell’auto di un italiano di 57 anni fermo al semaforo in corso Svizzera e gli ha intimato, tirando dei pugni sul vetro e sul cruscotto, di accompagnarlo in via Nicola Fabrizi. E' accaduto martedì 8 gennaio. Una volta arrivati a destinazione, il 48enne ha tolto dal quadro le chiavi di accensione e chiesto al proprietario dell’auto 50 euro per la restituzione.

Il conducente in un primo momento ha rifiutato, ma è stato minacciato finché non gli ha consegnato 30 euro, somma sufficiente a far allontanare l’aggressore che è stato individuato pochi minuti dopo dal personale della Squadra Volante del Commissariato San Donato. Il malvivente è irregolare sul territorio nazionale e a suo carico ha numerosissimi precedenti penali per reati contro la persona e il patrimonio.

Durante tutte le fasi dell’arresto il malvivente ha mantenuto un atteggiamento altamente offensivo e oltraggioso nei confronti dei poliziotti, arrivando a tentare di compiere dei gesti di autolesionismo (neutralizzati) nel tentativo di essere rilasciato. E’ stato tratto in arresto per estorsione e denunciato per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale e violazione della legge sull’immigrazione.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Sciopero di 24 ore del trasporto pubblico locale: a rischio i mezzi GTT

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

Torna su
TorinoToday è in caricamento