Amputata la mano destra all'ultramaratoneta sardo: operazione riuscita

Asportate le dita della mano sinistra

Roberto Zanda

E' tecnicamente riuscita la prima operazione chirurgica su Roberto Zanda, l'ultramaratoneta sardo che è rimasto con tutti e quattro gli arti congelati durante lo Yukon Arctic Ultra, in Canada.

L'intervento è durato 4 ore ed è stato eseguito questa mattina, mercoledì 21 marzo 2018, dall'equipe del dottor Bruno Battiston, direttore della Struttura Chirurgia della mano e arto superiore dell'ospedale Cto della Città della Salute di Torino.

Due le fasi dell'operazione. Nella prima è stata amputata la mano destra a livello del polso per il livello, in modo tale da permettere il posizionamento della protesi bionica: salvo complicazioni, l'innesto avverrà tra un paio di settimane.

Poi è stata la volta della mano sinistra, dove sono state asportate le dita necrotizzate in Canada, e la copertura dei monconi con dei lembi di carne: uno per il pollice ed uno per le dita lunghe a ricreare dei simil monconi che possano effettuare una specie di pinza per la presa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prognosi per ora resta riservata. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

Torna su
TorinoToday è in caricamento