Giardiniere ucciso per errore: condannati padre e figlio, 17 e 21 anni

Carabiniere rimase ferito

Matteo e Antonio De Meo

Matteo e Antonio De Meo, di 26 e 47 anni, figlio e padre, di Cossano Canavese, sono stati condannati a 21 anni e a 17 anni e 8 mesi di carcere per l'omicidio di Gabriele Raimondi, ucciso a colpi di pistola in strada per San Giorgio 5 a Montalenghe il 30 settembre 2017. Nella sparatoria rimase ferito anche un carabiniere impegnato in un sopralluogo.

La sentenza è stata pronunciata oggi, martedì 14 maggio 2019, dal giudice Marianna Tiseo del tribunale di Ivrea al termine del processo svoltosi con rito abbreviato. Accolta solo parzialmente la richiesta di condanna a 30 anni per entrambi formulata dal pm Giuseppe Drammis. Gli imputati erano difesi dagli avvocati Enrico Scolari e Federica Ranieri.

Le indagini dei carabinieri avevano fatto emergere che l'omicidio era avvenuto per errore: la vittima designata, infatti, era Grado Di Glaudi, padrone di casa per cui Raimondi lavorava semplicemente come giardiniere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento