menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Matteo e Antonio De Meo

Matteo e Antonio De Meo

Giardiniere ucciso per errore: condannati padre e figlio, 17 e 21 anni

Carabiniere rimase ferito

Matteo e Antonio De Meo, di 26 e 47 anni, figlio e padre, di Cossano Canavese, sono stati condannati a 21 anni e a 17 anni e 8 mesi di carcere per l'omicidio di Gabriele Raimondi, ucciso a colpi di pistola in strada per San Giorgio 5 a Montalenghe il 30 settembre 2017. Nella sparatoria rimase ferito anche un carabiniere impegnato in un sopralluogo.

La sentenza è stata pronunciata oggi, martedì 14 maggio 2019, dal giudice Marianna Tiseo del tribunale di Ivrea al termine del processo svoltosi con rito abbreviato. Accolta solo parzialmente la richiesta di condanna a 30 anni per entrambi formulata dal pm Giuseppe Drammis. Gli imputati erano difesi dagli avvocati Enrico Scolari e Federica Ranieri.

Le indagini dei carabinieri avevano fatto emergere che l'omicidio era avvenuto per errore: la vittima designata, infatti, era Grado Di Glaudi, padrone di casa per cui Raimondi lavorava semplicemente come giardiniere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento