Cronaca Via Edmondo De Amicis

Uccide il padre perché troppo violento. La ministro all'Istruzione, Azzolina: "Alex farà la maturità"

"Titolo di studio importante per la sua ripartenza"

L'omicidio di via De Amicis a Collegno

Ammesso all’esame di maturità nonostante sia in carcere con l’accusa di omicidio.

Alex Pompa, il 18enne studente dell'istituto alberghiero "Arturo Prever" di Pinerolo, che venerdì scorso, 1 maggio 2020, a Collegno, ha ucciso il padre, Giuseppe Pompa, classe 1968 - operaio della Dana Graziano di Rivoli - con 24 coltellate, potrà quindi diplomarsi come tutto il resto della sua classe.   

Erano stati gli stessi suoi docenti a mobilitarsi, assieme alla direzione scolastica, affinché non venisse privato di questa opportunità, nonostante il grave gesto commesso.
La tesi che lo studio rientri nel percorso rieducativo è stata sposata anche dall'Ufficio Scolastico Regionale.

Il giovane da sabato si trova nel carcere delle Vallette, dopo la convalida dell’arresto. Ha già ottenuto libri e quaderni, potendo così ricominciare il percorso scolastico.

Dal Ministero dell’Istruzione sono già stati mossi i primi passi organizzativi per le lezioni individuali on line e per l’esame di maturità stesso. In queste settimane dovranno organizzare tutto, anche con la direzione del carcere. Ma questo non sembra un problema insormontabile.

Il Ministro Azzolina: "Titolo di studio importante per la sua ripartenza"

In un post su Facebook, la Ministro dell'Istruzione, Lucia Azzolina, interviene sull'argomento:  “La vicenda di Alex, il ragazzo diciottenne che per difendere la mamma ha ucciso il padre, ha fatto riflettere tutti.  Alex era a un passo dall’Esame di Stato. E lo farà. Come è giusto che sia e come è possibile, nella scuola italiana, grazie a norme inclusive che garantiscono il diritto allo studio, nel rispetto della Costituzione. Come Ministero siamo in contatto con la sua scuola, con l’Ufficio scolastico regionale. L’Esame non cancellerà questa tragedia. Ma quel titolo di studio sarà importante per Alex, per ripartire, per guardare al futuro. E spero che possa proseguire, iscrivendosi all’Università. Ritrovando, nel tempo, la sua strada, la sua serenità. Lo studio ci fornisce i mattoni su cui si costruisce il futuro. Al personale scolastico dell’istituto alberghiero Prever vanno i miei ringraziamenti per l’umanità e l’attenzione mostrati in questa vicenda”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccide il padre perché troppo violento. La ministro all'Istruzione, Azzolina: "Alex farà la maturità"

TorinoToday è in caricamento