menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Romano Bosticco, 82 anni

Romano Bosticco, 82 anni

Addio a Romano, il "papà" degli albergatori

Aveva 82 anni

Tutta Bardonecchia e tutto il mondo degli albergatori piange la morte di Romano Bosticco, scomparso oggi, giovedì 25 luglio 2019, a 82 anni. 

Classe 1937, Romano è praticamente vissuto dentro all'albergo, gestito da papà Natale e mamma Margherita. 

Per quasi 40 anni, dal 1970 al 2007, ha gestito assieme all'adorata moglie Anne Marie l'albergo "Des Geneys Splendid" di via Einaudi 21 a Bardonecchia, rinnovandolo continuamente fino a farne un moderno albergo dotato di tutte le ultime tecnologie.

Durante la seconda guerra mondiale, Romano trova in montagna due soldati americani caduti con l’aereo, lo dice al padre che li nasconde in soffitta sopra ai soldati tedeschi: dopo averli curati riesce a farli fuggire. Il generale Eisenhower manderà poi solenne lettera di encomi per ringraziare.

Nel 1945, invece, trova una bomba ad orologeria lasciata dai tedeschi che occupavano l'albergo. E Romano la trova, la prende e la porta al padre, con quest'ultimo che, terrorizzato, la lancia a distanza dall'hotel, salvandolo.

Prima ancora di prendere le redini in mano della struttura ricettiva, Romano aveva fatto nascere, negli anni '60, la discoteca "La Mandia", creata nelle vicinanze dell’albergo. Un'idea lungimirante, visto che in poco tempo diventa il punto di ritrovo della “Beat generation” piemontese.

Per venti anni, e fino al 2013, Romano Bosticco è stato presidente dell’Associazione Albergatori Federalberghi di Bardonecchia. Era presidente onorario per volere dell'attuale presidente, Giorgio Montabone: 

“Abbiamo saputo la notizia durante la riunione di Federalberghi di Torino e provincia - commenta Montabone - Secondo me ci ha voluto salutare così, in questo modo speciale. Ci mancherà Romano. Per noi tutti era una sorta di papà. Sempre disponibile, pronto a dispensare consigli. Non nego ci siano stati momenti di incomprensione e di discussione. Ma poi tutto rientrava e si tornava ad essere amici". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

A Collegno campi di colza in fiore: cosa sono e a cosa serve la colza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento