menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il dottor Amir Pourshayesteh

Il dottor Amir Pourshayesteh

Morto nella sua abitazione il dottor Amir, era responsabile della chirurgia a Susa

A ritrovare il corpo senza vita dell’uomo è stata la figlia nella giornata di mercoledì 28 giugno

Profondo dolore nell’ambito dell’Asl To3 per l’improvviso decesso del dottor Amir Pourshayesteh, responsabile della chirurgia dell’ospedale di Susa.

E’ stata predisposta l’autopsia sul corpo del medico trovato morto dalla figlia nella sua abitazione a Torino, nella giornata di mercoledì 28 giugno 2017. La moglie del medico, in Francia al momento del dramma, è oggi tornata in Italia. Sul corpo del chirurgo non sono stati trovati segni di violenza, l'ipotesi di morte naturale è la più accreditata.

In merito alla morte del dottor Amir la direzione generale dell’Asl esprime "dolore e tristezza rivolgendo le più sentite condoglianze alla famiglia". Il dottor Amir aveva 57 anni ed era stato nominato responsabile della weekly-surgery di Susa il 2 luglio 2016 dal direttore generale Flavio Boraso. Fra 3 giorni, dunque, avrebbe compiuto il primo anno di attività presso l’ospedale.

Amir, oltre alla specializzazione in chirurgia generale ad indirizzo oncologico, aveva sviluppato negli anni un'importante esperienza in chirurgia d’urgenza e nell’attività chirurgica di day e weekly-surgery ed aveva anche conseguito il master in management sanitario presso l’Università Bocconi di Milano.

Era stimato ed apprezzato da tutti i colleghi con i quali amava instaurare anzitutto un rapporto di amicizia prima ancora che professionale. “Sono profondamente addolorato per la scomparsa del dottor Amir, un professionista molto apprezzato da tutti, con il quale avevo uno stretto rapporto di amicizia e di stima personale - dichiara Boraso -. Per la nostra azienda è una grave perdita e non sarà certo facile superare questo momento molto triste per tutti noi; in questa circostanza intendo ricordare Amir per le sue doti umane e per il suo impegno serio e positivo. Il miglior modo di ricordarlo sarà continuare la sua azione con altrettanto impegno”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento