Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca Moncalieri

Ricercato per un agguato in provincia di Cosenza, dopo 24 ore l’uomo si presenta in caserma a Torino

Vittima rimasta ferita

Immagine di repertorio

Arriva da Torino la prima svolta nelle indagini relative al ferimento di un barista 34enne avvenuto a Corigliano Rossano (Cs) venerdì 27 agosto in pieno centro alle 12 circa. Verso l’uomo erano stati sparati diversi colpi di pistola, ma solo uno l’aveva raggiunto e per questo era stato trasferito nel reparto di chirurgia dell’Annunziata di Cosenza per rimuovere il proiettile. 

I Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro, con il coordinamento del pubblico ministero della Procura della Repubblica di Castrovillari, Dott.ssa Angela Continisio, avevano ricostruito il fatto e individuato il presunto responsabile che, insieme alla moglie, si era reso irreperibile.   

Proprio l’indagato nella serata di ieri, sabato 28 agosto, si è presentato in caserma a Torino: “Sentitosi fortemente braccato – si legge nella nota diramata dal comando Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro -, lo stesso decideva di presentarsi dai Carabinieri della Compagnia di Torino-Moncalieri per rendere spontanee dichiarazioni, nella cui sede veniva eseguito il decreto di fermo di indiziato di delitto del pubblico ministero, sussistendo evidenti esigenze cautelari determinate dalla gravità dei fatti per cui si procede e dalla pericolosità del soggetto, nonché un evidente pericolo di fuga, sostanziato dal fatto che l’uomo in poche ore era riuscito già a recarsi fuori dal territorio calabrese”.

Proseguono le indagini dei carabinieri volte a scoprire tutti i particolari della vicenda.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricercato per un agguato in provincia di Cosenza, dopo 24 ore l’uomo si presenta in caserma a Torino

TorinoToday è in caricamento