menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Il cane lo morde e lui lo uccide a coltellate, prima di bruciarne la carcassa

Arrestato dai carabinieri

Dopo essere stato morso dal cane della convivente, lo ha accoltellato ripetutamente con un coltello. Poi, una volta ucciso, ha dato fuoco alla carcassa dell'animale.

La drammatica vicenda è avvenuta nella mattinata di ieri, lunedì 18 maggio 2020, poco prima dell'ora di pranzo, in via Vecco a Rivoli. 

A dare l'allarme e a permettere ai carabinieri della compagnia di Rivoli di mettere le manette ai polsi all'uomo sono stati i vicini di casa, spaventati dai guaiti del cane. Guaiti poi spariti improvvisamente. E, al loro posto, uno strano odore di carne bruciata.

I militari, arrivati in tempo zero in quella casa indipendente alla periferia di Rivoli, hanno potuto solo constatare la carcassa bruciata di quel povero meticcio.

L'uomo, un 43enne italiano, domiciliato a Rivoli, pregiudicato, ha opposto resistenza all'arresto, ingiuriando ripetutamente i militari. 

Per questi motivi è stato arrestato per "uccisione di animali", "resistenza a pubblico ufficiale" e "porto abusivo di arma bianca". 

Sequestrati il coltello, la bottiglia di alcol etilico e l'accendino utilizzati per compiere il macabro gesto. La carcassa, invece, è stata affidata ai veterinari dell'Asl To3.  

Nei prossimi giorni, a Torino, il processo per direttissima. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento