menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il giardino di via San Giovanni

Il giardino di via San Giovanni

Sorpresa dalle telecamere mentre porta il nipote a giocare nel parco pubblico: maxi multa da 1.500 euro

Guidava anche l'auto di un parente defunto

In tempi di Coronavirus, andare al parco è vietato. E così, bambini e quattrozampe sono costretti a modificare i loro comportamenti, le loro abitudini.

Ma è dura dire "no" a un bambino, che magari voleva solamente fare una piccola corsa o semplicemente un giro sull'altalena o su una giostrina.

Ne sa qualcosa una giovane nonna di 43 anni, sanzionata nei giorni scorsi dalla polizia municipale di San Francesco al Campo e individuata grazie alle telecamere di videosorveglianza presenti nel parco pubblico di via San Giovanni. 

Le telecamere l'hanno immortalata mentre entrava nel parco giochi, che attualmente è chiuso al pubblico proprio per ottemperare in toto ai Decreti e alle ordinanze per evitare il diffondersi del "Covid-19". 

E così, qualche giorno dopo, ecco arrivarle una sanzione da 1.500 euro. Questo perché la donna ha scavalcato la recinzione, è entrata con il nipotino e ha iniziato a farlo giocare sull'altalena: e qui scatta la sanzione di 400 euro (ridotta a 280 euro se pagata entro i cinque giorni dalla notifica, ndr).

Poi le è arrivato un secondo verbale, da 1.100 euro, perché al parco è andata con un'auto intestata ad una persona defunta. Questo perché l'articolo 94 comma 4 bis recita come si debba dichiarare alla Motorizzazione Civile l'utilizzo di un veicolo non di proprietà se fruito per un periodo superiore ai 30 giorni.  

L'attività investigativa della municipale ha permesso di capire come il proprietario fosse morto diverso tempo prima rispetto ai 30 giorni e che quella dichiarazione non sia mai stata effettuata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento