menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Minacce di morte e aggressioni, la polizia interviene e arresta due mariti violenti

In zona Madonna di Campagna e Aurora

Ancora storie di maltrattamenti che arrivano, questa volta, da un’abitazione in zona Madonna di Campagna e Aurora.

Nel primo caso un rumeno di 29 anni è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e denunciato per violenza sessuale. Aveva appena aggradito e minacciato di morte la moglie con un coltello. Al loro arrivo, gli agenti hanno trovato la donna tremante e in forte stato di agitazione. La vittima ha raccontato agli agenti una storia fatta di continue privazioni, umiliazioni e sofferenze, spesso sfociate in ingiurie, minacce e percosse, che andavano avanti da molto tempo anche se erano divenute più frequenti negli ultimi due-tre mesi. La donna ormai viveva priva di tranquillità e con la sensazione che qualcosa di irreparabile potesse accaderle, anche perché il marito spesso agiva sotto l’abuso di alcol. Tutto questo fino a quando ha trovato il coraggio di chiamare la Polizia.

Nel secondo episodio è stato arrestato un 42enne marocchino risultato irregolare sul Territorio Nazionale e con precedenti di polizia. Al loro arrivo in un condominio in zona Aurora, gli agenti hanno udito forti urla provenire dal cortile. Giunti all’interno, i poliziotti hanno visto un uomo in evidente stato di alterazione alcolica e una donna con un neonato in braccio. Sul pavimento, in prossimità dell’ingresso di un’abitazione, numerosi cocci di vetro. Anche lo stato dell’abitazione al suo interno lasciava presupporre trascorsi di violenza alla luce degli evidenti danneggiamenti di mobilio e suppellettili. Dopo aver tranquillizzato la donna, gli agenti ne hanno raccolto il racconto. La vittima, legata all’uomo da un rapporto sentimentale da alcuni anni, ha narrato un vissuto fatto di soprusi, ingiurie e violenze che nemmeno la nascita del bambino nei mesi scorsi avevano eliminato. Inoltre, la donna non poteva uscire se non in compagnia dell’uomo. Quando la vittima ipotizzava la possibilità interrompere il rapporto, in risposta riceveva minacce di morte o veniva aggredita. Alla luce dei fatti, gli agenti della Squadra Volante hanno arrestato il compagno per maltrattamenti in famiglia.  
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento