Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Rubano il ferro dall'azienda di Carignano con la complicità del figlio minore, già capace di guidare il furgone

Padre e madre in carcere

Padre, madre e persino un figlio di 14 anni, ma già capace di guidare un furgone per dare una mano ai genitori. 

Sono loro i protagonisti di un furto di 181 puntelli in ferro - del peso complessivo di quasi 2mila chili - avvenuto lo scorso 12 febbraio 2021 all’interno del magazzino di una ditta edile di Carignano. 

I tre sono stati sorpresi dai carabinieri proprio mentre stavano compiendo il furto. E se il padre, classe 1986, jugoslavo residente a Nichelino, si era dato alla fuga in un’area boschiva, la madre - anche lei classe 1986 e residente a Nichelino - è invece salita velocemente a bordo del furgone che stava guidando il 14enne, fuggendo.

Un carabiniere li ha inseguiti, riuscendo a salire a bordo, spegnendo il veicolo e bloccandone la marcia. Ma non riuscendo ad estrarre la chiave dal cruscotto anche per via dell’opposizione del figlio e soprattutto della madre, che lo ha aggredito spruzzandogli sul volto dello spray urticante, facendolo così cadere a terra.

I due sono riusciti a fuggire, recuperando poi anche il padre. 

Le indagini si sono concluse nei giorni scorsi, dopo che i militari sono riusciti a trovare il furgone parcheggiato nei pressi di un campo nomadi di Nichelino e di recuperare la refurtiva del valore di circa 10mila euro e successivamente di identificare i due 35enni.

Il gip Alessandra Pfiffner ha disposto la custodia cautelare in carcere per i due adulti. Per loro le accuse sono “rapina aggravata” e “resistenza a pubblico ufficiale”, entrambe in concorso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubano il ferro dall'azienda di Carignano con la complicità del figlio minore, già capace di guidare il furgone

TorinoToday è in caricamento