La zona industriale è piena di buche: "un brutto biglietto da visita per le aziende"

A breve un intervento?

Le buche in viale Kennedy

Una strada groviera, piena di buche. E' quella di viale Kennedy a Robassomero, l'arteria che collega e costeggia l'intera zona industriale cittadina.

"Dopo ogni pioggia o nevicata - sostengono i sindacalisti dei diversi stabilimenti industriali dell'area - la situazione peggiora sempre di più. Questo è un brutto biglietto da visita per le stesse aziende, in particolar modo quando qui devono arrivare i mezzi pesanti dei fornitori".

L'area è di proprietà del "Consorzio il Colombè", che da quando è sorta la zona industriale si è fatta carico anche delle manutenzioni. "Ma da tempo non vengono più eseguite. L'ultima è stata praticamente obbligata, visto che le aziende di trasporto privato si erano rifiutate di far passare i mezzi tra le buche, soprattutto dopo che due autobus erano stati costretti ad andare dai meccanici per problemi agli ammortizzatori", continuano i sindacalisti.

Il sindaco Antonio Massa, è chiaro: "L'area è sotto tre Comuni, il mio, Robassomero, Druento e Venaria. E' il Consorzio che deve stanziare le somme per il rifacimento del manto stradale. Abbiamo effettuato un incontro tra i sindacati poco tempo fa, dove è emersa la criticità del viale Kennedy e delle preoccupazioni su sicurezza e incolumità degli automobilisti. So che il Consorzio ha i preventivi per una sistemazione delle strade. Ora vedremo le tempistiche dell'intervento stesso. Vigileremo al riguardo". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambini investiti da un’auto: 3 finiscono in ospedale

  • Giovane si toglie la vita sparandosi un colpo di pistola

  • Trasporto pubblico locale, domani tram e bus si fermano per 4 ore

  • Tempo libero, cosa fare a Torino e dintorni sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Dal Torinese, il denaro veniva "ripulito" dopo un giro per il mondo: fratelli imprenditori nei guai

  • Nel garage nascosta la merce del noto supermercato: un denunciato

Torna su
TorinoToday è in caricamento