Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Corso Gaetano Scirea, 50

Fumogeni accesi, pezzi di seggiolini lanciati e coltelli: fermati alcuni tifosi pericolosi

Notificati due Daspo

Arresti e denunce a seguito della partita di martedì 2 ottobre all’Allianz Stadium tra Juventus-Young Boys valevole per il torneo di Champions League. Serrati sono stati i controlli dei servizi di Ordine e Sicurezza Pubblica che hanno visto l’impiego di circa 300 operatori a supervisionare i 41 mila spettatori presenti, tra cui oltre 2 mila sostenitori della squadra ospite.

Nel corso dell’attività di controllo, e già prima del fischio di inizio, con l’ausilio di personale DIGOS e della Polizia Scientifica sono state identificate numerose persone. A due tifosi sostenitori della squadra ospite è stato immediatamente notificato il DASPO, Divieto di Accedere alle manifestazioni sportive a livello internazionale.

Si tratta di un 21enne nato in Svizzera, precedentemente raggiunto da Daspo, che è stato anche trovato in possesso di un fumogeno e per questo arrestato. Insieme a lui il personale DIGOS ha ammanettato un 19enne svizzero che, dal secondo anello del settore ospiti, ha lanciato un pezzo di seggiolino verso il settore EST. Il ragazzo è stato tratto in arresto per i reati di  lancio di materiale pericoloso in occasione di manifestazioni sportive e danneggiamento.

Un 48enne nato in Germania è stato trovato in possesso di un coltello, mentre un altro svizzero è stato invece sanzionato amministrativamente per detenzione di sostanza stupefacente.

Al termine dell’incontro, durante le fasi di deflusso, circa 800 tifosi ospiti, di cui 200 travisati, hanno tentato di impedire l’identificazione di un tifoso che aveva acceso dei fumogeni. Si è resa necessaria una breve azione di contenimento e il personale operante è riuscito ad identificare il responsabile. E' uno svizzero di 19 anni denunciato all’Autorità Giudiziaria. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fumogeni accesi, pezzi di seggiolini lanciati e coltelli: fermati alcuni tifosi pericolosi

TorinoToday è in caricamento