Non si ferma all’alt dei carabinieri, inseguito per oltre 10km: arrestato conducente ubriaco

Aveva un tasso alcolemico quasi 4 volte oltre il limite consentito

Immagine di repertorio

Arrestato per resistenza a pubblico ufficiale uno studente 20enne di Vestigné che non si è fermato all’alt dei carabinieri nella notte di mercoledì 10 luglio alle 2.30 circa.

Un equipaggio del Nucleo Radiomobile ha intercettato a Settimo Vittone il giovane a bordo di una Fiat Panda che procedeva a forte velocità. I carabinieri hanno tentato di indurre il conducente a fermarsi poi ne è nato un inseguimento, eseguito in collaborazione con una volante del Commissariato di Ivrea. L’auto del fuggitivo è stata fermata, alla fine, in piazza Balla a Ivrea.

Il conducente si è rifiutato di scendere dalla macchina e di fornire le sue generalità. Dopo una breve trattativa i carabinieri e gli agenti del commissariato sono riusciti a far uscire il conducente dalla vettura. Visibilmente alticcio, lo studente ha provato a fuggire ma è stato fermato immediatamente. 

Dal primo accertamento è emerso un tasso di alcolemia di g/l 1,90, poi il giovane si è rifiutato di sottoporsi alla seconda prova. Accompagnato in caserma, lo studente ha continuato a mantenere un comportamento aggressivo anche in presenza dei genitori. L’arresto è stato convalidato e il ventenne è stato sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Shopping, 3 tonnellate di vestiti in vendita "al chilo": l'evento per due giorni a Torino

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

Torna su
TorinoToday è in caricamento