Cronaca

Mascherine imbustate singolarmente poi rivendute con un ricarico del 300%: denunciata

I finanzieri hanno scoperto un’attività di compravendita in nero a tutto tondo

Immagine di repertorio

Acquistava le mascherine (ha riferito “da un grossista torinese”) poi le confezionava singolarmente e, dopo aver raccolto gli ordini, le rivendeva a prezzi decisamente maggiorati: da quanto hanno accertato i finanzieri sino al 300% di ricarico.

In sostanza acquistava in nero, rivendeva in nero e per di più a prezzi maggiorati la merce rinvenuta senza etichette e indicazioni di alcun tipo. Nessuna documentazione inerente alla vendita è stata trovata dagli uomini della Guardia di Finanza di Torino che hanno sorpreso la donna, una commerciante di Ivrea, in quella che hanno definito "un’attività di compravendita in nero a tutto tondo".

I Finanzieri del Gruppo di Ivrea hanno ricostruito, dopo una breve indagine, come la 40enne, nonostante il suo ramo d’azienda prevedesse ben altro, si era data alla compravendita di mascherine e altri presidi sanitari di grande richiesta in questo periodo. La donna è stata denunciata alla Procura della Repubblica di Ivrea per manovre speculative sulle merci.
 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mascherine imbustate singolarmente poi rivendute con un ricarico del 300%: denunciata

TorinoToday è in caricamento