rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca Ivrea

Si impicca in carcere, protestano gli altri detenuti: sale la tensione

Il sindacato Osapp: “Situazione comincia a farsi esplosiva”

Un detenuto marocchino di 43 anni si è impiccato con un lenzuolo che ha legato alle grate della sua cella al primo piano destro della Casa Circondariale di Ivrea, intorno alle 4 di sabato 16 giugno. A seguito dell’episodio, nel pomeriggio, una cinquantina di detenuti dopo essere stati in cortile si sono rifiutati di rientrare in cella e 7 di loro, 2 italiani e 5 extracomunitari, si sono arrampicati sul muro del cortile passeggio lamentandosi delle condizioni in cui vivono e solo dopo oltre due ore di trattativa, sono rientrati. Infine, sempre nella giornata di sabato, i detenuti hanno continuato a protestare battendo le stoviglie contro le inferriate delle celle.

A dare la notizie è L'O.S.A.P.P. (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria) per voce del Segretario Generale Leo Beneduci: "Per chi non l'avesse ancora compreso la situazione nelle carceri Italiane comincia a farsi esplosiva e i fatti di Ariano Irpino prima e di Ivrea adesso parlano chiaro e sempre più grandi sono i rischi per gli appartenenti alla Polizia Penitenziaria. A fronte di tale situazione è sempre più urgente che la nuova Autorità politica della Giustizia dia concreti segnali di innovazione nella gestione delle carceri e nell'organizzazione della Polizia Penitenziaria in quanto sarebbe la peggiore delle situazioni ritenere che sommosse, suicidi e aggressioni nei confronti di appartenenti alla Polizia Penitenziaria debbano costituire la regola del normale andamento del sistema penitenziario Italiano".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si impicca in carcere, protestano gli altri detenuti: sale la tensione

TorinoToday è in caricamento