Cronaca Borgo Vittoria / Via Mondrone

Guidava per Torino nonostante la patente revocata da quattro anni: in casa trovata anche della droga

Arrestato dalla polizia

La droga sequestrata all'uomo dalla polizia

In teoria, da quattro anni, non avrebbe potuto guidare nessuna tipologia di auto, visto che la patente gli era stata revocata. In realtà, nella giornata di ieri, mercoledì 26 maggio 2021, quel 46enne italiano è stato fermato dagli agenti della Squadra Volante mentre guidava una utilitaria in via Mondrone.

I guai per l'uomo sono inziati quando gli agenti lo hanno visto come detto, in via Mondrone, mentre era alla guida della sua utilitaria rossa e sostava nel senso opposto di marcia rispetto a quello degli agenti, che invertono la marcia per compiere il controllo.  

L’uomo, insospettito, ha ripreso la marcia, ha percorso via Tesso, via Giachino e corso Mortara dove è stato poi fermato e sottoposto a controllo. E quando gli agenti hanno chiesto "patente e libretto", ecco scoprire non solo della revoca della patente ma anche come quello stesso veicolo fosse stato sottoposto a fermo amministrativo perchè fermato senza patente dagli agenti del commissariato Madonna di Campagna.  

All’interno del veicolo c'era anche uno straniero, risultato attualmente sottoposto alla misura cautelare della presentazione alla polizia giudiziaria per detenzione e spaccio di droga. Mentre il 46enne era stato colpito da un avviso orale del questore.

Di qui la denuncia per la reiterazione del reato, con annessa pena accessoria dell'alienazione del mezzo, e una denuncia perché non poteva trovarsi in compagnia di persone pregiudicate.

Durante la perquisizione, inoltre, gli agenti trovano un pezzo di carta con sopra scritti dati su “entrate e uscite” con richieste e grammature. Dettagli che fanno pensare allo spaccio di droga. Ne nasce così una perquisizione nell'appartamento dell'uomo, dove vengono trovati, nel primo cassetto della camera da letto, oltre 150 grammi di stupefacente, parte già suddiviso in ovuli e in frammenti più piccoli, una bilancia elettrica, oltre a 590 euro in contanti e un telefono cellulare non di proprietà: il 46enne avrebbe affermato come si trattere del "pegno" in cambio di una dose. L’uomo è stato arrestato per spaccio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guidava per Torino nonostante la patente revocata da quattro anni: in casa trovata anche della droga

TorinoToday è in caricamento