Gli strappa dalle mani il cellulare e scappa: arrestato il ladro dallo "zainetto giallo"

Grazie alle indicazioni della vittima

Immagine di repertorio

Mai stare al cellulare quando si è per strada. Ne sa qualcosa un uomo che si trovava nella zona dei giardini Montanaro, che nei giorni scorsi è stato avvicinato da un ragazzo maliano che gli ha letteralmente strappato dalle mani il telefono cellulare.

Grazie alla descrizione dettagliata fornita dalla vittima alla centrale operativa, gli agenti del commissariato “Barriera Milano” sono riusciti a trovare quel ladro "con lo zainetto giallo", che si era rifugiato in quello stesso giardino, da sempre frequentato dai tanti ragazzi della zona, diventando di fatto un giardino multietnico.

Alla vista degli agenti, i presenti hanno cercato di darsi alla macchia. Il ladro con lo zainetto giallo ha iniziato a fuggire, venendo inseguito tra via Calvi, Monte Valderoa, Monte Rosa, Spontini e Santhià, quando è stato poi fermato.

"Sono minorenne", ha detto ai poliziotti, che però non gli han creduto. Gli esami specialistici hanno infatti dimostrato come potrebbe avere almeno 19 anni. 

In tasca è stato trovato in possesso di un altro telefonino, molto costoso. Il 19enne è stato così arrestato per furto, falsa attestazione delle proprie generalità e ricettazione. 

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • "Quando la bicicletta non sta sul balcone"

  • Bidoni della spazzatura, puliti ed igienizzati: addio cattivi odori

  • La mentuccia, l'erba aromatica buona e salutare

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Tragedia nella serata: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Terribile scontro fra due veicoli: morto un papà, due feriti

  • Auto esce di strada e si schianta contro un albero, medico grave in ospedale

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

Torna su
TorinoToday è in caricamento