La banda dei distributori torna in azione: due "visite" in poche ore

Rubati soldi e sigarette

Immagine di repertorio

La banda dei distributori di benzina torna in azione. Nella notte tra domenica 8 e lunedì 9 dicembre 2019, sono state prese di mira due aree di servizio.

Prima a Osasio, lungo la provinciale che conduce a Virle, dove i ladri hanno spaccato il gabbiotto per razziare il fondo cassa, pari a circa mille euro, prima di fuggire con diversi pacchi di sigarette. 

Nelle stesse ore, a Carmagnola, sulla provinciale 20, i ladri hanno provato il colpo al distributore di Salsasio, salvo essere disturbati e costretti alla fuga.

Sui due casi, sono in corso le indagini da parte dei carabinieri, che stanno analizzando le telecamere di videosorveglianza dei due distributori per cercare di dare un nome e un volto alla banda. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'ora solare, lancette indietro di 60 minuti: quando e perché si dormirà di più

  • Tragico schianto in autostrada sulla Torino-Savona: due operai torinesi morti

  • Coronavirus: ordinanza Piemonte, stop agli alcolici dopo le 21 e attività chiuse a mezzanotte

  • Lavazza, offerte di lavoro a Torino e in provincia: le posizioni aperte

  • Torino: positiva al coronavirus esce e va in giro, denunciata per epidemia colposa

  • Incidente in strada a Torino: tram investe pedone e lo uccide

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento