Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca Rebaudengo / Via Nino Oxilia

Torino, "Sono un poliziotto in borghese impegnato in una indagine". Ma voleva evitare il controllo: denunciato

Ha mostrato una placca metallica della "polizia privata"

"Ragazzi tranquilli, sono un collega in borghese impegnato in una indagine". E, in quello stesso istante, mette una mano nella tasca, estraendo un portafogli, dove è presente una placca metallica.

Pensava potesse bastare questo per evitare un controllo quel 26enne italiano sorpreso, lunedì pomeriggio, 12 aprile 2021, intento a discutere con un'altra persona in via Oxilia.

Ma gli agenti della Volante del commissariato Barriera Milano decidono di fermarsi e di compiere i controlli di rito. Dopo aver affermato di essere un collega, i poliziotti vogliono vederci chiaro, chiedendo di mostrare, con calma e senza fretta, quella placca.

Il giovane spiega di essere appartenente alla "Polizia di Provincia", salvo poi alzare la voce, in quanto pensa di non essere assolutamente tenuto a mostrare alcunchè. E oltre ad alzare la voce, inizia ad insultare e a minacciare i poliziotti.

Il giovane viene accompagnato per accertamenti presso gli uffici del commissariato, dove peraltro il 26enne si rifiuta di fornire le proprie generalità. La placca, da un controllo più approfondito, reca la dicitura “Polizia privata”. Il giovane è stato denunciato per essersi rifiutato di fornire le proprie generalità, per le minacce e la resistenza a pubblico ufficiale, possesso di segni distintivi in uso ai corpi di polizia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torino, "Sono un poliziotto in borghese impegnato in una indagine". Ma voleva evitare il controllo: denunciato

TorinoToday è in caricamento