Finge l'investimento e chiede 250 euro di danni alla vittima: arrestato dalla polizia

Per il tablet rotto

Immagine di repertorio

Appena ha visto svoltare quell'auto, ha dato un colpetto sulla parte posteriore destra dell’auto e si è buttato a terra, inscenando un investimento.

E’ quanto accaduto martedì 5 marzo 2019, intorno a mezzogiorno, all'incrocio tra corso Vinzaglio e via Cernaia.

Il presunto investito, un uomo di 62 anni, invece di richiedere l'intervento dell'ambulanza, ha chiesto all'automobilista - un 70enne un passaggio.

Appena salito a bordo, ha iniziato a minacciarlo, chiedendogli 250 euro di risarcimento danni per il tablet che sarebbe stato rovinato a causa dell'investimento. E obbligando il pensionato a fermarsi ad un bancomat per prelevare la somma richiesta.

La vittima, a quel punto, si ferma in via De Gasperi, nei pressi di una banca, facendo scendere l’estorsore, con quest'ultimo che si è seduto su una panchina in attesa che l'uomo sbrigasse la pratica all'interno della filiale.

Ma l'uomo, invece di prelevare il denaro, ha chiamato la polizia, con gli agenti della Squadra Volante che sono arrivati ed hanno arrestato il 62enne per tentata estorsione aggravata: dai controlli effettuati dalla polizia, è emerso come l'estorsore fosse già stato arrestato, diversi anni fa, per lo stesso reato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mini in corsia d'emergenza esplode dopo essere urtata da un'altra auto: morti padre e figlia

  • Frontale fra due automobili: un uomo è morto, cinque persone ferite

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Scontro auto-ambulanza: una persona è morta

  • Scontro tra camion e moto, morto il centauro

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

Torna su
TorinoToday è in caricamento