rotate-mobile
Cronaca

Falsi dipendenti regionali chiedono indietro i soldi erogati ad asili, nidi e ludoteche

La nuova truffa

Attenzione ai falsi dipendenti regionali che chiedono indietro i contributi che la stessa Regione aveva in precedenza erogato ai servizi educativi e alle scuole dell'Infanzia.

A denunciarlo è l’assessorato all’Istruzione della Regione Piemonte assieme al comando provinciale dei Carabineri.

"Si tratta di sconosciuti che, presentandosi telefonicamente come dipendenti regionali, domandano la restituzione di contributi loro erogati "per errore" chiedendone l'accredito su poste pay o con altre simili modalità. A tal proposito si informa che nessun dipendente regionale è autorizzato a chiedere telefonicamente il pagamento di somme di denaro".

Assessorato e Arma invitano a segnalare eventuali episodi contattando il numero unico di emergenza "112".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falsi dipendenti regionali chiedono indietro i soldi erogati ad asili, nidi e ludoteche

TorinoToday è in caricamento