Exilles, un cervo cade nel canale che alimenta la centrale idroelettrica: salvato

È andato a buon fine oggi il salvataggio di un cervo caduto nel canale che alimenta la condotta forzata della centrale idroelettrica dell’Iren in località Champbons di Exilles. Il cervo, un esemplare maschio giovane, è stato avvistato dagli agenti del Comprensorio Alpino TO2, i quali hanno allertato gli agenti faunistico-ambientali della Città Metropolitana, il personale del CANC-Centro Animali Non Convenzionali di Grugliasco che assicura il servizio “Salviamoli insieme on the road” e il veterinario dell’Asl TO3. Il CANC a sua volta ha avvisato i Vigili del Fuoco, che sono intervenuti sul posto. L’animale è stato sedato tramite teleanestesia, imbragato con una rete e recuperato dal personale intervenuto sul posto, che lo ha poi liberato in un luogo idoneo, una zona protetta in località Pellousiere di Oulx.

Il salvataggio del cervo rientra tra gli interventi previsti dalla convenzione attivata dalla Città Metropolitana, che vede l'impegno diretto della Struttura didattica speciale Veterinaria dell'Università di Torino per il recupero in campo della fauna selvatica, oltre che del personale della Funzione specializzata tutela fauna e flora della Città metropolitana. Il CANC ha sede in largo Braccini 2 a Grugliasco e cura il servizio per conto della Città Metropolitana. Il servizio “Salviamoli Insieme on the road” è attivo 24 ore su 24 sulle linee telefoniche 349-4163385 e 3666867428.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Maestra d'asilo licenziata per un video hard mandato su Whatsapp al fidanzato: tutta la storia

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • Il primario della rianimazione di Rivoli è positivo al covid: aveva invitato i negazionisti "a farsi un tour in reparto"

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

Torna su
TorinoToday è in caricamento