Fermato per violenza sessuale di gruppo, fugge durante l'interrogatorio: caccia all'uomo

Negli uffici della Questura

La Questura di Torino

E' caccia, da parte della polizia, a Moussa Lay, 35enne gabonese, che lunedì sera, 3 giugno 2019, è fuggito dagli uffici della questura, sfruttando una finestra aperta.

Tutto è successo verso le 21, quando il 35enne si trovava assieme al suo avvocato davanti al pm per l'interrogatorio a seguito del suo arresto per violenza sessuale di gruppo. 

Dopo che il pm gli ha comunicato lo stato di fermo, al termine delle procedure d'arresto, si è alzato di scatto in direzione della finestra, per poi lanciarsi dal primo piano, fuggendo dopo un volo di cinque metri.

La vicenda del suo arresto parte lo scorso 18 aprile, quando una donna di 41 anni era stata avvicinata in borgata Aurora da una 38enne marocchina, che le aveva offerto ospitalità in via Bra. Ma una volta in casa, dove era riuscita a fumare del crack, è diventata prigioniera, diventando merce di scambio per il pagamento della droga, e venendo stuprata due volte in 24 ore.

L'uomo era stato fermato dopo una lunga attività di indagine da parte della Squadra Mobile, partita dal telefono cellulare della vittima. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento