rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca Venaria Reale / Viale Buridani

Bottiglie ovunque e assembramenti: il sindaco di Venaria vieta la vendita di alcolici dalle 18

In due vie cittadine

Bottiglie gettate a terra, senza neanche la capacità di riporle in un cestino. Assembramenti. Auto e muri usati come orinatoi a cielo aperto.

Per questi motivi, il sindaco di Venaria, Fabio Giulivi, ha firmato una ordinanza mediante la quale vieta la vendita di alcolici lungo via Mensa e viale Buridani. Il provvedimento sarà in vigore fino al prossimo 6 aprile 2021, dalle 18 alle 5 del mattino successivo e riguarderà la vendita di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione in contenitori di qualsiasi genere e dimensioni.

Un provvedimento che giunge a distanza di pochi mesi da un altro, come quello della rimozione delle panchine da piazza Don Alberione, durante la seconda ondata dell'emergenza Covid-19.

"In principio abbiamo rimosso le panchine da pic-nic sotto la tettoia di piazza Don Alberione, poi abbiamo aumentato i controlli della polizia municipale e dei carabinieri. Infine abbiamo messo una pattuglia fissa eppure niente: piazza don Alberione e quel tratto di via Mensa continuano ad essere luogo di assembramento e degrado. Nel centro storico si verificano appunto diffusi fenomeni di assembramento di persone, specie nelle ore pomeridiane-serali, intente a consumare bevande, soprattutto alcoliche, ignorando pericolosamente tutte le regole di prevenzione e sicurezza stabilite per contenere la diffusione del virus", sottolinea il sindaco, che fa riferimento ad un "bangla market" aperto proprio nelle vicinanze della piazza e, di recente, un altro in viale Buridani. 

"Queste due arterie, alla pari delle piazze don Alberione e Pettiti, erano diventate emblemi di degrado e sporcizia. Perché dalle 18, chiusi i bar, le persone si recavano in questi negozi per approvigionarsi di bevande alcoliche. E così le bottiglie venivano poi disseminate in strada, dando un senso di sporco e trascuratezza ed aggirando così le limitazioni ed i divieti stabiliti dal Dpcm. Per non parlare di coloro che urinano sulle macchine parcheggiate, nel parco giochi o negli interni cortile. Tutto documentato da foto e video. Abbiamo pensato allora di uniformare gli orari di vendita degli esercizi di vicinato presenti in Via Andrea Mensa e Viale Buridani agli orari stabiliti dal Dpcm per tutte le attività di ristorazione per contribuire ad evitare gli assembramenti vietati. Non è mai bello limitare le vendite con ordinanze ad hoc, ma vi assicuro che le abbiamo provate tutte prima di arrivare a questo provvedimento che si è reso indispensabile visto il livello di indecenza raggiunto. Uno schiaffo morale alle scuole chiuse con i ragazzi a casa in dad, alle tante serrande di negozi abbassate per legge ed in grave sofferenza economica, alle terapie intensive sempre più sature. Se con le buone non lo si capisce dobbiamo usare le ordinanze restrittive che la legge ci consente", conclude il sindaco. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bottiglie ovunque e assembramenti: il sindaco di Venaria vieta la vendita di alcolici dalle 18

TorinoToday è in caricamento