"Una firma per la privacy": e i clienti sono costretti a vendere i loro gioielli

Denunciato dipendente

Immagine di repertorio

Sono entrati in quel compro oro, nel rione di Borgo Vittoria, per chiedere una valutazione del loro oro e di alcuni gioielli per una eventuale vendita.

Il dipendente del negozio, sabato 12 ottobre 2019, dopo averli accolti, ha immediatamente preso un foglio in bianco per la "dichiarazione di legale provenienza" e per l’autorizzazione per la privacy.

"Bastano due firme, proprio qui e possiamo procedere con la stima". Dopo aver compiuto la perizia, il dipendente ha reso nota alla coppia, italiana, la valutazione.

Una valutazione, però, più bassa di 150 euro rispetto a quella fatta da un altro compro oro. Di qui la decisione di riprendere possesso dei loro gioielli per recarsi in un altro negozio e sperare in migliori fortune. 

E qui nascono i guai, perché il dipendete solo in quel momento li ha informati come, con quelle firme, si fossero impegnati nella definizione della compravendita proprio con quel negozio. A tal punto da preparare un assegno postale del valore di 850 euro e a redarre l'apposito registro per l'acquisto dei preziosi. 

La coppia, a quel punto, ha preso il telefonino e ha subito contattato la polizia. Gli agenti della Squadra Volante, arrivate in pochi minuti, hanno subito sequestrato l'assegno, l'atto di vendita, la ricevuta e anche la fotocopia del registro degli acquisti.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inevitabile, a quel punto, la denuncia del dipendente, un 31enne italiano, per truffa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso di bellezza pochi mesi dopo che i genitori chiudono l'azienda a causa del lockdown

  • Il film porno è girato nel parco cittadino: nuova performance del noto avvocato e di due pornostar torinesi

  • Maxi-incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, uno ribaltato e due in fiamme

  • Super-vincita al concorso a premi in tabaccheria: un fortunato si porta a casa 53mila euro

  • Tragico scontro con un camion, morto un automobilista

  • Viviana e il piccolo Gioele sono ancora scomparsi, ma oggi fatti avvistamenti 'importanti'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento