Rubano il rame da una ditta ma vengono immortalati dal sistema di videosorveglianza

Denunciati dai carabinieri

Immagine di repertorio

I predoni dell'oro rosso, ovvero i ladri di rame, tornano a colpire.

Nella notte di sabato 26 settembre 2020, due italiani hanno preso di mira una ditta di Villastellone, rubando numerosi cavi in rame per poi caricarli su una macchina.

Ed è proprio quella macchina ad aver permesso ai militari di trovarli e denunciarli per furto. Perché il sistema di videosorveglianza era riuscito ad immortalare quell'auto e la rispettiva targa. Il mezzo, infatti, era di proprietà di uno dei due malviventi. 

Per i carabinieri è stato così un gioco da ragazzi, il giorno seguente, domenica 27 settembre 2020, trovare i responsabili: si tratta di due italiani di 30 e 31 anni, di Santena e Cambiano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: in Piemonte centri commerciali chiusi il sabato e la domenica (tranne gli alimentari)

  • Torna l'ora solare, lancette indietro di 60 minuti: quando e perché si dormirà di più

  •  Piemonte, coprifuoco dalle 23 alle 5: firmata l’ordinanza

  • Torino: positiva al coronavirus esce e va in giro, denunciata per epidemia colposa

  • Lavazza, offerte di lavoro a Torino e in provincia: le posizioni aperte

  • Incidente a Torino, auto finisce contro un palo: morta donna dopo l'urto violento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento