Estintori e vetri danneggiati nella stazione ferroviaria: quattro denunciati

Treno partito in ritardo

Immagine di repertorio

Interruzione di pubblico servizio, furto aggravato e danneggiamento. Sono queste le accuse mosse a un 19enne italiano, denunciato nei giorni scorsi dalla polizia ferroviaria di Porta Nuova. 

Il ragazzo era salito a bordo di un treno regionale in sosta al binario della stazione di Porta Nuova, aveva scardinato l’apposito contenitore dove è custodito il martelletto frangivetro per poi danneggiare un finestrino.

Il giovane è stato rintracciato ancora a bordo treno, facendo scattare la denuncia e, di conseguenza, un ritardo nella partenza del treno di circa venti minuti.

Con lui altre tre persone sono state denunciate dagli agenti del settore operativo della Polizia ferroviaria della stazione di Porta Nuova.

Un 51enne è finito nei guai per il danneggiamento e l'uso improprio di un estintore presente in stazione: è stato individuato grazie all'attento controllo del sistema di videosorveglianza.

Due persone, di nazionalità sudamericana, sono state sorprese in evidente stato di alterazione alcolica. Di qui la decisione, da parte degli agenti, di sottoporli a controllo. Uno di loro, però, ha deciso di non consegnare un documento per l'identificazione, facendo così scattare la denuncia per essersi rifiutato di fornire le proprie generalità: per lui, inoltre, arriveranno i controlli per capire se abbia o meno il permesso di soggiorno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: cosa bisogna fare per avere i codici e vincere fino a 5 milioni

  • Zona Arancione: estesa apertura negozi, maggiori controlli, dentro e fuori, nei centri commerciali

Torna su
TorinoToday è in caricamento