Nella saletta del bar si giocava a carte, puntando soldi: denunciati in cinque

Quattro giocatori e la titolare

La bisca clandestina nel bar di corso Vercelli

Partecipazione a gioco d’azzardo. E' questa l'accusa mossa a quattro persone, che sono state denunciate dagli agenti del Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato dopo un controllo in un bar di corso Vercelli 24, avvenuto nei giorni scorsi con l'ausilio degli agenti della polizia municipale di Torino.

Nei guai anche la titolare del bar, denunciata per "esercizio di gioco d’azzardo".

Durante un controllo per verificare il rispetto delle attuali normative vigenti in materia di contrasto al Coronavirus, in una saletta del locale - l'ultima, quella nei pressi dell'uscita secondaria - sono state trovate quattro persone che giocavano a carte. E, in mezzo al tavolo, anche del denaro.

Denaro che, alla vista dei poliziotti del commissariato Dora Vanchiglia, i quattro hanno tentato di nascondere, proprio per evitare guai con la giustizia. 

Dei quattro, uno di loro era anche irregolare sul territorio italiano. 

Nel corso della stessa attività, un cliente è stato sanzionato amministrativamente perché trovato in possesso di marijuana. La polizia municipale, inoltre, ha sanzionato economicamente il locale per alcune violazioni di natura amministrativa.

Torino bisca clandestina bar Vercelli 24 2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

Torna su
TorinoToday è in caricamento