Sorpresi dalla polizia a scaricare rifiuti nel parco pubblico: denunciati

Materasso, reti e un tavolo

I rifiuti abbandonati in via Sassari

Li hanno sorpresi mentre stavano scaricando un materassi nel parco Marino Ferraro, in via Sassari, attorno alle 22 di ieri, lunedì 14 settembre 2020.

E gli agenti della Squadra Volante li hanno subito fermati, scoprendo come un rumeno di 34 anni - titolare di un’impresa di servizi per la pulizia condominiale e industriale di appartamenti e cantieri - e un suo connazionale di 40 anni, avessero in precedenza scaricato e abbandonato altre masserizie: reti in ferro, un tavolo in legno circolare e mobilio vario.

E, ancora, come nel furgone ci fosse altro materiale ingombrante, in procinto di essere scaricato e abbandonato in zone non autorizzate. Immediata la denuncia per "abbandono dei rifiuti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito dalla sua auto dopo avere dimenticato di inserire il freno a mano: è grave

  • Cammina sulle auto parcheggiate, poi si lancia su una e le sfonda il parabrezza: arrestato

  • La denuncia: "Aggredito dal vigilante del supermercato perché mi sono abbassato la mascherina"

  • Moto cade in tangenziale: centauro grave in ospedale

  • Offerte di lavoro del gruppo Iren: le posizioni aperte a Torino

  • Uomo scomparso da mercoledì sera: ritrovato il corpo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento