rotate-mobile
Cronaca Aurora

Allarme crack in città. Il questore: "Aumentano i consumatori non abitudinari"

Il bilancio del mese di settembre

Con venti euro si può comprare una dose di crack, la droga più in uso nell’ultimo periodo. 

L’allarme lo lancia direttamente il questore di Torino, Francesco Messina, durante il mensile bilancio dei controlli della polizia su tutto il territorio metropolitano.

“E aumentano anche gli assuntori non abituali, come hanno modo di constatare ogni sera e ogni notte i nostri agenti”, conferma Messina.

Nel solo mese di settembre, i poliziotti hanno arrestato 155 persone, denunciate altre 537, espulso 37 stranieri, controllato 60 esercizi pubblici con 3 licenze sospese e oltre 100 chili di droga sequestrati.

L’ultimo è di pochi giorni fa in via Vandalino: 26 i chili di marijuana portati via ad un italiano di 39 anni, trovato anche con tutto il necessario per confezionarla. 

“Ricevo mille euro al mese per fare questo lavoro”, ha detto il pusher ai poliziotti, prima di essere arrestato.

Per il questore Messina, Aurora e Barriera di Milano sono i rioni più difficili, dove anche gli stessi agenti hanno difficoltà nel svolgere la loro professione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme crack in città. Il questore: "Aumentano i consumatori non abitudinari"

TorinoToday è in caricamento