Cronaca Madonna di Campagna

In cinque quartieri di Torino arrivano i civich in bicicletta: controlleranno parchi e aree pedonali

Ma anche piste ciclabili e piazze

Le agenti della municipale in bicicletta

Più vicina alla cittadinanza, con mezzi "green". La polizia municipale di Torino ha deciso, in via sperimentale, di dotarsi di biciclette per espletare alcuni servizi di controllo del territorio nell'ambito del V Comando (Borgo Vittoria, Madonna di Campagna, Lucento, Vallette). 

Al momento sono due gli agenti in bicicletta ma, con il tempo - e se il servizio verrà recepito in maniera positiva dalla cittadinanza - sarà esteso a quattro agenti. Le "pattuglie con il sellino" saranno in servizio ogni giorno della settimana. 

Gli agenti impiegati nel servizio di prossimità gireranno principalmente per le vie del quartiere, nei parchi, nelle aree pedonali, sulle piste ciclabili e nelle piazze.

Il comando di polizia municipale di Torino vorrebbe poi estenderlo a tutta la città. 

“Non si tratta di un tornare indietro, ma di un andare incontro alle esigenze del tempo - spiega il comandante della Polizia Municipale, Emiliano Bezzon - Il servizio è nato dalla proposta del responsabile di sezione sulla base di alcune esigenze insite nel territorio di competenza. Oggi più che mai in questo periodo di grandi incertezze e paure, di distanze tra le persone, amplificate dall’utilizzo sempre più diffuso delle tecnologie, i cittadini hanno la necessità di essere rassicurati. Il bisogno di sentire più vicine le Istituzioni è avvertito come una necessità primaria e chiedere direttamente un’informazione ai nostri civich sul territorio può risultare molto più rassicurante che leggere le stesse notizie su internet. Le persone hanno bisogno del contatto umano e necessitano di avvertire la presenza delle Forze di Polizia sul territorio per sentirsi più sicure. Il loro compito primario non sarà quello di andare in giro a fare le multe bensì quello di monitorare il territorio, prendere nota dei disservizi, dispensare raccomandazioni e rispondere alle richieste di informazioni dei cittadini. E se serve, attivare via radio la Centrale Operativa e di conseguenza le pattuglie in auto o moto per un pronto intervento. La bicicletta è un mezzo di trasporto che consente di percorrere le distanze del quartiere con la giusta velocità, lasciando il tempo a chi la guida di accorgersi di eventuali disservizi e situazioni anomale, quali degrado urbano, buche stradali, depositi di rifiuti, segnaletiche stradali sbagliate o incomplete e di tante altre cose che passando velocemente in auto o in moto possono sfuggire e passare inosservate. Non solo! La bicicletta è anche un veicolo ben tollerato dai cittadini che non esitano ad avvicinarla, fermarla e chiedere a chi le conduce informazioni o segnalare situazioni di pericolo e illecite”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In cinque quartieri di Torino arrivano i civich in bicicletta: controlleranno parchi e aree pedonali

TorinoToday è in caricamento