Bocconi avvelenati: caso sospetto, morto un cane

Aveva mangiato qualcosa in un giardinetto

Batida

Si chiamava Batida e aveva otto anni e mezzo. Una cagnona bellissima che non ha avuto una vita facile, ma che aveva trovato una famiglia che le voleva bene. La settimana scorsa, a inizio febbraio 2018, si è sentita male dopo avere mangiato qualcosa ai giardinetti di corso Francia a Collegno, vicino al ristorante McDonald's.

Secondo il veterinario che l'ha visitata, prima che morisse, si è trattato di bocconi avvelenati. Adesso i padroni, disperati, l'hanno fatta cremare. Il suo sangue è stato però mandato ad analizzare anche se per i risultati definitivi servirà ancora qualche settimana.

Il sospetto avvelenamento è stato segnalato alla polizia locale di Collegno. Si tratta del primo caso in città.

"La nostra bimba, Batida, non ha avuto da subito una bella vita: nei suoi primi due anni ha vissuto in un recinto con sua mamma dietro ad un capannone - racconta la sua padrona, Renata Paiva -.

Lei ci ha insegnato tanto e ci ha dato tanto, forse è difficile per qualcuno capire ma qui si parla di evoluzione, di amore vero. Eravamo sempre insieme 24 su 24 ovunque a parte i posti dove non potevano proprio andare. Abbiamo creato un rapporto meraviglioso. Lei aveva attenzione e ci ringraziava donandoci amore. Non abbiamo mai dovuto sgridarla o insegnarle qualcosa. Abbiamo imparato veramente tanto da lei. Ci manca sempre e ovunque".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • Benessere psicologico: 5 comportamenti virtuosi per avere una vita più serena

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento