Cibo mal conservato e lavoratori "in nero": ristorante chiuso e multato per 39mila euro

Controlli e multe in altri locali

Una parte dei cibi sequestrati nel ristorante

Quasi 200 chili di alimenti sequestrati, lavoratori in nero, 39mila euro di verbali e la chiusura del locale.

Venerdì sera, 17 gennaio 2020, da incubo per i titolari del ristorante giapponese "Fujiyama" di via Nizza 35 a Torino, che hanno ricevuto il controllo da parte degli agenti del commissariato Barriera Nizza, insieme agli agenti della polizia municipale
di San Salvario e il personale dello Spresal, del Sian (Servizio igiene degli alimenti e della nutrizione) e della Veterinaria dell'Asl To1.

Durante il controllo è emerso come i prodotti fossero riposti in congelatori sporchi, alcuni alimenti fossero privi di copertura,
altri, invece, erano ricoperti di ghiaccio, conservati in buste non idonee e, nel caso delle carni, non è stato possibile stabilirne la specie.

In un congelatore, i poliziotti hanno trovato un blocco di carne di pollo privo di involucro e completamente attaccato al ghiaccio della parete.

Per tutti questi motivi, un cittadino cinese di 49 anni è stato denunciato per la "cattiva conservazione del cibo" e
per "frode in commercio", dato che alcuni prodotti congelati non erano indicati come tali nel menù.

Il 49enne è stato così multato per 34mila euro. Ma le sanzioni sono aumentate successivamente a seguito dei controlli dell'Asl To1: 5mila euro per la diffusa sporcizia e la presenza di insetti. L’Ispettorato del Lavoro ha inoltre appurato come cinque dipendenti su nove stessero lavorando "in nero".

Di qui la sospensione dell’attività fino alla regolarizzazione dei dipendenti e al pagamento delle relative sanzioni.

Finito qui? No. Perchè lo Spresal ha riscontrato irregolarità in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro.

Nel corso dell’attività, inoltre, sono stati controllati altri tre esercizi pubblici, tutti sanzionati dalla polizia municipale per le violazioni riscontrate. Un locale di via Bidone ha ricevuto una sanzione di 900 euro. Una multa da 5200 euro, invece, è stta elevata a un locale di via San Pio V per diversi illeciti amministrativi e irregolarità igienico-sanitarie.

Un locale di via Galliari, infine, è stato sanzionato per quasi 18mila euro, per irregolarità igienico-sanitarie e violazioni amministrative. Complessivamente nel corso dell’attività sono state elevate sanzioni per oltre 63mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus a Torino: un quarantenne che è stato in contatto con i casi in Lombardia

  • Contagio Coronavirus, i casi a Torino adesso sono tre

  • Emergenza Coronavirus: chiuse due aziende e le scuole, montate tende da campo davanti agli ospedali

  • Tragedia nell'area servizio: automobilista si sente male e accosta, ma i soccorritori non riescono a salvarlo

  • Carne e pesce in cattivo stato di conservazione: denunciato titolare di un negozio

  • Paziente si lancia dalla finestra dell'ospedale: è gravissimo

Torna su
TorinoToday è in caricamento