Scontri al cantiere, razzi e bombe carta contro le forze dell’ordine: notificati 16 fogli di via

Esponenti del centro sociale Askatasuna e del movimento No-Tav non potranno ritornare nei comuni di Giaglione e Chiomonte

Immagine di repertorio

16 fogli di via dai Comuni di Giaglione e di Chiomonte, emessi dal Questore di Torino Francesco Messina nei confronti di altrettanti esponenti del centro sociale Askatasuna e del movimento No-Tav, sono stati notificati oggi a seguito dei reati perpetrati nel corso delle manifestazioni recentemente tenutesi a Chiomonte nei pressi del cantiere TAV, nell’ambito del campeggio studentesco dei giovani No Tav, culminate anche in violenti attacchi alle Forze dell’Ordine in servizio.

Si tratta di misure di prevenzione personali adottate dal questore nei confronti di persone che, fuori dai luoghi di propria residenza, hanno adottato condotte pericolose per la sicurezza pubblica. Il provvedimento, emesso il 20 settembre 2018, prevede il divieto per i destinatari di tornare nei comuni di Giaglione e Chiomonte per la durata di tre anni, senza l’autorizzazione del questore.

Alla base della motivazione delle misure adottate dall’Autorità di Pubblica Sicurezza ci sono i gravi e violenti comportamenti, taluni dei quali penalmente rilevanti, tenuti dai destinatari in particolare il 7 e 8 settembre scorsi in prossimità del cantiere.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Perde il controllo dell'auto, colpisce un'altra macchina e finisce contro il muro: due feriti

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • Benessere psicologico: 5 comportamenti virtuosi per avere una vita più serena

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento