Sequestrano il figlio e chiedono soldi al padre per il rilascio: nei guai due giovani

Un 18enne e un 22enne fermati durante la consegna del denaro

Immagine di repertorio

Arrestato un 22enne residente a Borgaro Torinese e denunciato un 18enne di San Maurizio Canavese a seguito della denuncia sporta ai carabinieri da un artigiano 48enne di San Maurizio.

L’uomo ha riferito ai militari che il figlio era stato trattenuto contro la sua volontà e aveva subito violenza dai due a causa di un debito di euro 1500 per una verosimile cessione di sostanza stupefacente. Il 48enne ha ottenuto il rilascio del figlio dietro il pagamento di 300 euro e la promessa di consegnare ulteriori 500 euro.

Proprio nel momento della consegna della seconda tranche di denaro sono intervenuti i militari che hanno fermato l’attività dei due. L’incontro tra il padre del ragazzo e gli estorsori è avvenuto giovedì 20 dicembre intorno alle 15 in strada aeroporto a Caselle Torinese.

Il 22enne è stato tratto in arresto in flagranza di reato per detenzione abusiva di materiale esplodente in quanto aveva nascosto, nella propria vettura, un borsone contenente 28 petardi tipo “thunder” di categoria IV, detenuti senza le prescritte autorizzazioni. I petardi e il denaro contante sono stati sottoposti a sequestro.
Sequestro petardi e soldi 22enne-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo una giornata di sciopero: possibili disagi

  • Autostrada, installati due box per gli autovelox: dove sono

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Suv si schianta contro un muretto: dopo gli accertamenti scatta il sequestro del veicolo  

  • Incidente di cantiere: autostrada chiusa in un senso, previsione riapertura in 48-72 ore

Torna su
TorinoToday è in caricamento